A causa della crisi del coronavirus, oltre 1,5 milioni di persone sono colpite dal lavoro ridotto. E al contempo cresce il numero dei disoccupati. Non dobbiamo tuttavia dimenticare che la Confederazione sostiene le imprese con un pacchetto di 60 miliardi di franchi: Qui c’è qualcosa che non quadra.

Voglio firmare l’appello

La protezione della salute sul posto di lavoro riguarda tutti

Dallo scoppio della crisi Covid-19, la protezione della salute nel mondo del lavoro è diventata un tema di pubblico interesse perché riguarda tutti. Se l’attuazione delle misure di protezione è affidata alla buona volontà dei datori di lavoro, la nostra salute sarà vittima della corsa ai profitti aziendali.

Maggiori informazioni

« Dopo le perdite dei salari reali degli ultimi anni, è necessario recuperare il ritardo: tutti i salari devono aumentare. »

Vania Alleva, Presidente Unia

Attualità

Le parti sociali dell’industria alberghiera e della ristorazione chiedono alla Confederazione la proroga dell’obbligatorietà generale (DOG) del…

Approfondisci

La conferenza del commercio al dettaglio di Unia si oppone a più lavoro domenicale ed esige la fine del lavoro su chiamata. È tempo di riconoscere lo…

Approfondisci

Il divario salariale nelle maggiori aziende svizzere cresce ulteriormente rispetto al 2018 (da 1:142 a 1:148). A guadagnare sempre di più sono i…

Approfondisci